Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Mostra fotografica Valentina Vannicola: L'Inferno di Dante e Riviere

Data:

28/10/2021


Mostra fotografica Valentina Vannicola: L'Inferno di Dante e Riviere

In occasione della XXI Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, iniziativa promossa dal Ministero degli Affari Esteri, che quest'anno ha come tema Dante, l'Italiano, l'Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro e il Centro Cultural Justica Federal presentano, a partire dal 28 ottobre, un'interessante retrospettiva dell'artista italiana Valentina Vannicola, composta da due delle sue opere più rappresentative, l'Inferno di Dante e Riviere.

 

L’Inferno di Dante

La ricerca fotografica di Valentina Vannicola è riconducibile al genere della staged photography, i suoi progetti si sono spesso concentrati sulla trasposizione fotografica di opere letterarie e racconti, lavorando sul testo l'autrice arriva alla scomposizione di questo in una sorta di story board che va a mettere in scena in meticolosi tableaux vivant.

L’Inferno di Dante è il risultato della trasposizione in immagine della prima Cantica de La Divina Commedia di Dante Alighieri. In questo lavoro del 2011, le potenzialità in nuce nei progetti precedenti vengono ampliate attraverso una resa corale delle pene e dei singoli dannati. Il lavoro è costituito da 15 fotografie e da un grande bozzetto preparatorio (180x150 cm). Come in altri lavori per L'Inferno di Dante Valentina Vannicola scatta nel suo paese natale, Tolfa, nella maremma laziale a nord di Roma, con la comunità locale che si presta a inscenare le più stravaganti composizioni, trasformano le fotografie in un progetto collettivo.

Nel 2021, in occasione del settecentenario dantesco, il MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI Secolo, ha acquisito ed esposto l'intera serie.

 

Riviere

Riviere è la ricostruzione della storia di un’isola e dei suoi abitanti. Commissionato dal Bellaria Film Festival, il lavoro è stato realizzato durante una residenza d’artista svolta sulla Riviera romagnola nel 2014.

Prendendo spunto da un curioso e immaginato avvistamento di suo nonno Aquilino, Valentina Vannicola ricostruisce un luogo possibile teso tra realtà e finzione. Una mattina del settembre del 1991, i nonni paterni della fotografa presero parte ad una gita in barca a largo delle coste di Rimini. Quel giorno, erano diretti nel punto dove 22 anni prima era stata bombardata dallo Stato italiano l’Isola delle Rose, una piattaforma in mezzo al mare progettata e dichiarata indipendente da un ingegnere bolognese.

Mentre sono in mare aperto, Aquilino avvista qualcosa a largo, convinto che si tratti di un isolotto, lo comunica agli uomini di bordo che negano la possibilità che ve ne sia alcuno. L’uomo però rimarrà sempre fermo nella sua convinzione, così, la storia dell’avvistamento e la collegata questione dell’Isola delle Rose divengono la sua piccola ossessione.

Riviere è un omaggio a questa ossessione.

 

Valentina Vannicola

Valentina Vannicola, nata a Roma nel 1982, si laurea con una tesi in Filmologia presso l'Università La Sapienza di Roma e successivamente si diploma alla Scuola Romana di Fotografia. La sua intera pratica artistica è riconducibile al genere della staged photography.

Il suo lavoro è stato esposto in diverse gallerie e Festival tra cui: MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma; AuditoriumArte, Roma; l'Istituto Italiano di Cultura ed il Festival Head On di Sydney; Festival Circulation(s), Parigi; Istituto Italiano di Cultura di Melbourne; Gallery Central di Perth, Australia; La Triennale di Milano; Palazzo Ducale di Genova; Espace André Malraux Herblay, Francia; Vision Lab/Triennale di Milano presso la Mediateca di S. Teresa, Milano; Arte Fiera Bologna; Vienna Fair; Bassano Fotografia; Il Bellaria Film Festival; Galleria Al Blu di Prussia, Napoli; Galleria Wuderkammern, Roma; Urban Center di Rovereto; Mia Art Fair; CiternaFotografia-Festival; Fotografia Festival, Museo MACRO Testaccio, Roma; Centro italiano della fotografia d'autore, Bibbiena; Auditorium Parco della Musica, Roma; s.t. Galleria, Roma.

Nel 2011 ha pubblicato con la casa editrice Postcard L'Inferno di Dante, curato da Benedetta Cestelli Guidi.

Nel 2020 ha lavorato ad un progetto nell’ambito della committenza 'Universo Olivetti. comunità come utopia concreta' del Museo MAXXI, la Fondazione Adriano Olivetti e il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Nel 2021 L'Inferno di Dante è entrato nelle Collezioni di Fotografia del Museo MAXXI.

Il suo lavoro ha ricevuto diversi riconoscimenti tra cui: Premio Combat prize, menzione speciale 2018; primo premio come miglior portfolio a Fotografia Europea 2017; Premio Fundación Ankaria / PHotoEspaña-Descubrimiento PHE, best portfolio, 2017; premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee finalista, 2012; premio Internazionale Limen Arte, 2010; secondo premio per il miglior portfolio al Festival Fotoleggendo, 2010.

Le sue immagini sono state pubblicate da diversi giornali periodici e quotidiani tra cui L'Espresso, D di Repubblica, Philosophie Magazine, Il Manifesto, Marie Claire, Zadig le mag, Insidart e Aracne.

 

* * * * *

 

Realizzazione:

Istituto Italiano di Cultura di Rio de Janeiro

Centro Cultural Justiça Federal

 

* * * * *

 

Mostra fotografica Valentina Vannicola: L'Inferno di Dante e Riviere

 

Data: Dal 28 ottobre 2021 al 7 febbraio 2022

Orari: Da martedì a domenica, dalle 11:00 alle 19:00

Dove: Centro Cultural Justiça Federal - Av. Rio Branco, 241 - Centro

Biglietto: Gratuito

Informazioni

Data: Da Gio 28 Ott 2021 a Lun 7 Feb 2022

Ingresso : Libero


1215